Home / News ed Eventi / Newsletter

Condividi

Avvocati amministratori di sostegno - indicazioni e novità

Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Genova
www.ordineavvocatigenova.it | segreteria@ordineavvocatigenova.it

Non rispondere a questa mail. Per ulteriori informazioni contatta la segreteria

Genova, 5 dicembre 2016
 
circ. 18/2016

Gentili Colleghe ed Egregi Colleghi,
 
l'Ufficio Tutele del Tribunale di Genova ci chiede di informare gli avvocati
 

  • che svolgono o che hanno intenzione di svolgere le funzioni di amministratore di sostegno

 
"come già comunicato a suo tempo è stato realizzato un archivio informatico per raccogliere i curricula e le segnalazioni di disponibilità dei professionisti a svolgere l'attività di amministratore di sostegno.
Poiché dal 1 gennaio 2017 i nominativi dei professionisti da nominare quali ads saranno acquisiti solo tra coloro che sono registrati in tale banca dati si invitano tutti gli avvocati che già svolgono le funzioni di amministratore di sostegno a provvedere alla registrazione entro tale termine.
L'attivazione di ogni singola utenza avverrà, una volta ricevuta la registrazione, dopo le verifiche dell'ufficio.
L'archivio è accessibile dal sito dell'URP del Tribunale di Genova (area riservata amministratori di sostegno in basso a destra).
Si ringrazia della collaborazione."
 
 

  • Sulle nuove modalità di deposito di relazioni annuali/finali ed istanze nell'ambito dell'amministrazione di sostegno, di tutele e curatele

 
“da alcuni mesi è stata rilasciata una nuova funzionalità della consolle del magistrato che permette di apporre sul file pdf, depositato dall’avvocato, un “timbro” nel quale inserire il provvedimento del giudice (Max. 255 caratteri).
Tale funzionalità permette di provvedere rapidamente sulle istanze evitando di dover emettere un autonomo provvedimento che, per essere autoconsistente, dovrebbe riportare il contenuto della istanza
Attraverso tale funzionalità, con l'apposizione del timbro la istanza stessa si trasforma in parte del provvedimento del giudice collegando in modo inscindibile la decisione alla richiesta (a questo proposito è bene ricordare che il timbro, ovvero il documento che si forma dalla combinazione di istanza e timbro viene a sua volta firmato digitalmente).
            Caratteristiche del “timbro”:
            a) Il sistema informatico prevede, in modo obbligatorio, che tale timbro sia collocato in alto a sinistra;
            b) La lunghezza del timbro dipende dal contenuto del provvedimento ma, stante il limitato numero di caratteri, oscilla da un minimo di cm 2,5 ad un massimo di cm 3,5;
            c) il “timbro” può essere apposto solo sul documento principale  (atto introduttivo o atto successivo) depositato dall'avvocato e NON sugli allegati.
            d) Per ogni atto depositato può essere apposto un solo timbro (per cui non è possibile apporre timbri diversi, ad esempio un provvedimento di liquidazione e uno di autorizzazione sullo stesso atto);
Nella prima esperienza di uso di tale timbro che, come gli avvocati avranno notato, e stato usato non solo per i provvedimenti di autorizzazione ma anche per le liquidazioni, si e registrata la necessita di dettare alcune regole conseguenti ai vincoli tecnici sopra illustrati.

Si evidenziano di seguito tali regole cui gli avvocati sono pregati di uniformarsi:

  1. E' indispensabile lasciare libero lo spazio a sinistra della prima pagina dell'atto depositato;
  2. E' indispensabile distinguere tra richieste di liquidazione e richieste di autorizzazione evitando di inserire nello stesso atto l'istanza di liquidazione e istanze di autorizzazione;  Nei rendiconti, pertanto, non dovranno essere inserite richieste di autorizzazione che vanno presentate con documento autonomo;
  3. Il “timbro” viene apposto sempre sulla prima pagina del documento principale e non può essere apposto sugli allegati. In considerazione del fatto che non è  opportuno per la privacy che le relazioni siano consegnate a terzi, se si ritiene di dover portare a terzi il decreto di liquidazione (ad es. istituti di credito) occorrerà presentare come atto principale l'istanza di liquidazione sulla quale sarà apposto il timbro, mentre relazione e rendiconto dovranno essere depositati come allegati.

Si ringrazia della collaborazione."

 
Nell'invitarVi ad adeguarVi alle nuove procedure, Vi porgo cordiali saluti.
 
Alessandro Vaccaro

Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Genova
Palazzo di Giustizia Piazza Portoria, 1 - 16121 GENOVA
Tel. 010.566217 - 010.566432 | Fax 010.565300 | segreteria@ordineavvocatigenova.it

Ricevi questa mail perchè sei iscritto alla newsletter del Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Genova.
Il tuo indirizzo non viene comunicato a terze parti ed è gestito nel pieno rispetto della tua privacy.

 

FACEBOOK

EVENTO15/09/16